All for Joomla All for Webmasters

adeguamento normative privacy

La nuova normativa sulla privacy è complessa ed articolata. Molti sono gli adempimenti da compiere per mettere in regola le Aziende, gli Studi Professionali ed i loro clienti, con controlli sempre più frequenti. Come fare?

Computers Sistemi, a seguito di questi importanti cambiamenti, ha attivato un gruppo di consulenza che realizza l'intero progetto Privacy “chiavi in mano”. Questo Team realizzerà l'intera documentazione necessaria, oltre al DPS ( Documento programmatico della Sicurezza ) se richiesto. Indicherà inoltre gli eventuali strumenti mancanti alla “messa in regola” delle misure minime di sicurezza obbligatorie, per la tutela dei dati personali.

Progetto Privacy: perché rischiare?

Le pene previste dalla legge:
Violazioni e pene amministrative
Per omessa o inidoneità informativa all'interessato è prevista la sanzione amministrativa da 3.000 a 18.000 euro e, nel caso di “dati” sensibili o di particolare rilevanza del danno, da 5.000 a 30.000 euro (art. 162)
Per omessa notifica è prevista la sanzione amministrativa da 10.000 a 60.000 euro con pubblicazione dell'ordinanza (art. 163)

Violazioni penali
Per il trattamento illecito dei dati (mancato consenso, invio di messaggi e-mail senza consenso ecc.) è prevista la reclusione da 6 a 18 mesi se ne deriva un danno e da 6 a 24 mesi per la comunicazione o diffusione dei dati (art. 167)

Per le false comunicazioni al Garante è prevista la reclusione da 6 mesi a 3 anni (art. 168)

Per l'omissione delle misure minime di sicurezza è prevista l'arresto sino a 2 anni o l'ammenda da 10.000 a 50.000 euro. All'autore del reato viene impartita una prescrizione con un termine per la regolarizzazione; se ne sessanta giorni successivi alla scadenza del termine risulta l'adempimento della prescrizione, l'autore del reato è ammesso dal Garante a pagare una somma pari a un quarto dell'ammenda massima (art. 169)

Tutti i delitti previsti dal codice comportano la pubblicazione della sentenza (art. 172)

Scadenze
Redigere entro il 31 Marzo di ogni anno , il documento programmatico sulla sicurezza, se si detengono dati sensibili anche in forma cartacea. Esempio : registro delle presenze, degli infortuni, etc.

Le misure minime di sicurezza devono essere adottate entro il 30 giugno 2004 (art. 180)

Chi effettua i controlli:
Un importante protocollo d'intesa tra la Guardia di Finanza ed il Garante per la protezione dei dati personali è stato firmato dal Comandante Generale, Gen. G. A. Alberto Zignani e dal Pres L'accordo ha come obiettivo, sulla base della proficua collaborazione già prestata in passato, quello di regolare le reciproche forme di intesa finalizzate a porre in essere una sempre più intensa ed efficace attività di controllo sulla raccolta di informazioni.
In particolare, la Guardia di Finanza collaborerà alle attività ispettive attraverso: La partecipazione di proprio personale agli accessi alle banche dati, ispezioni, verifiche e alle altre rilevazioni nei luoghi ove si svolge il trattamento;

Lo sviluppo di attività delegate o sub-delegate per l'accertamento delle violazioni di natura penale ed amministrativa;
L'assistenza nei rapporti con l'Autorità Giudiziaria;
Il reperimento di dati e informazioni sui soggetti da controllare;
Inoltre, il Corpo collabora nell'esecuzione di indagini conoscitive sullo stato di attuazione della legge in determinati settori.